Area Riservata

Username
Password

Newsletter

Iscrizione APDIC

UN MODO SEMPLICE PER AIUTARCI DEVOLVI IL TUO 5X1000 ad APDIC codice fiscale: 91328810378

in evidenza

ASSEMBLEA CON PRANZO IL 15 DICEMBRE 2018 ORE 11,00 A SAN LAZZARO DI SAVENA -via Bellaria 7- CIRCOLO ARCI

Iscrizioni all’associazione

In occasione dell’Assemblea dello scorso dicembre si è dato il via al RINNOVO DELLE TESSERE PER L’ANNO IN CORSO. Coloro che non erano presenti o le persone interessate ad associarsi possono rivolgersi alla segretaria, signora Luisa Baesi (tel. 345 8491152 - luisa.baesi@gmail.com), disponibile per qualsiasi ulteriore informazione.

Come Associarsi

Procedure Chirurgiche e Diagnostiche

Non vi sono preclusioni di alcun tipo per gli interventi di chirurgia maggiore ai portatori di CIED: la possibilità di tollerare o meno tali procedure dipende dalla situazione clinica generale,cioè dalla gravità della cardiopatia e/o di altre malattie coesistenti.

La esecuzione di interventi chirurgici e/o di manovre diagnostiche invasive apre due ordini di provvedimenti:
la condotta da osservare per evitare interferenze elettromagnetiche
il rischio di infezione qualora si verifichi una batteriemia, cioè l’ingresso di batteri nella circolazione ematica
 

Evitare interferenze elettromagnetiche: presso ogni centro sono disponibili le istruzioni per espletare le procedure chirurgiche in sicurezza senza arrecare danni al sistema impiantato.
 

Evitare infezioni del sistema impiantato.
Infezione degli Elettrocateteri.
Il rischio di infezione in relazione a procedure diagnostiche invasive o chirurgiche non è stato valutato approfonditamente nella letteratura medica, ma è esperienza comune presso i centri che gestiscono le infezioni su elettrocateteri che molte infezioni vengano diagnosticate alcuni mesi dopo l’espletamento di procedure diagnostiche invasive o chirurgiche di vario tipo, ritenute generalmente a basso rischio di batteriemia. Mentre la profilassi antibiotica è praticata routinariamente nella chirurgia maggiore, non è prassi comune durante alcune procedure chirurgiche “minori” e durante indagini endoscopiche o bioptiche. Sebbene non supportato da studi mirati a chiarire questo aspetto, si è fatto strada il concetto che in queste situazioni sia saggio comportarsi come per i portatori di protesi valvolari, cioè somministrando una adeguata profilassi antibiotica prima della procedura.
I rischi derivanti, in assenza di allergie note agli antibiotici elettivamente impiegati, sono trascurabili rispetto alle complicanze di una infezione su materiale protesico (elettrocateteri).
Tra le procedure “minori” che possono causare batteriemia e favorire la infezione degli elettrocateteri vanno annoverate:
la chirurgia odontostomatologica
indagini endoscopiche degli apparati digerente,respiratorio e genito-urinario, soprattutto se concomitano biopsie o asportazioni di lesioni/neoformazioni di questi organi
chirurgia minimamente invasiva eseguita in day-surgery
il trattamento a lungo termine di lesioni dei tessuti molli a seguito di traumi, di complicanze del diabete, di vascolopatia periferica, ustioni, malattie dermatologiche o infettive
 

Le infezioni della tasca
Ove è posizionato il CIED rappresentano un capitolo a sé stante delle complicanze relative all’intervento di sostituzione. Le infezioni della tasca a seguito della sostituzione del CIED oscillano tra 0.5 e 4% secondo l’esperienza dei centri ed il tipo di sostituzione (concomitante aggiunta o revisione di elettrocateteri ), per cui essa deve essere considerata sempre molto attentamente nella storia dei portatori di CIED. E’ facilmente intuibile la importanza della longevità del dispositivo, e di ogni sviluppo tecnologico che possa condurre a batterie ricaricabili dall’esterno senza necessità di intervento chirurgico. La sostituzione è dettata infatti solamente dall’esaurimento della sorgente di energia, poiché eventuali funzioni innovative possono essere trasferite telemetricamente al CIED già da anni.