Area Riservata

Username
Password

Newsletter

Iscrizione APDIC

UN MODO SEMPLICE PER AIUTARCI DEVOLVI IL TUO 5X1000 ad APDIC codice fiscale: 91328810378

in evidenza

ASSEMBLEA CON PRANZO IL 15 DICEMBRE 2018 ORE 11,00 A SAN LAZZARO DI SAVENA -via Bellaria 7- CIRCOLO ARCI

Iscrizioni all’associazione

In occasione dell’Assemblea dello scorso dicembre si è dato il via al RINNOVO DELLE TESSERE PER L’ANNO IN CORSO. Coloro che non erano presenti o le persone interessate ad associarsi possono rivolgersi alla segretaria, signora Luisa Baesi (tel. 345 8491152 - luisa.baesi@gmail.com), disponibile per qualsiasi ulteriore informazione.

Come Associarsi

Defibrillatore

Defibrillatore (ICD)
Situazioni cliniche urgenti. Possono essere sintomi riferiti dal paziente o avvisi generati dal dispositivo.
Per i pazienti che necessitano di stimolazione cardiaca continua e per i portatori di ICD bi ventricolari (CRT-D) valgono gli stessi suggerimenti sopra riportati per il Pacemaker.
I portatori di ICD possono avere la spiacevole esperienza di ricevere shocks (stimoli ad alta energia) 

 

  •  appropriatamente per terminare Aritmie Ventricolari rapide e potenzialmente gravissime
  •  inappropriatamente a causa di Aritmie Sopraventricolari

     

Nel primo caso gli shocks sono più spesso singoli, ed il soggetto ha la netta percezione di cardiopalmo e di svenimento imminente, oppure una vera e propria sincope, prima dell’intervento del dispositivo. E’ fondamentale non allarmarsi, al contrario rimanere calmi, perché l’ICD ha appena dato prova di potervi efficacemente salvare la vita !! Qualora gli interventi siano molteplici in poche (2-3) ore, o peggio siano successivi nell’arco di minuti, attivare l’intervento del 118: è possibile che qualcosa stia cambiando nella condizione medica (attacco coronarico, perdita di potassio, effetto imprevedibile di un farmaco recentemente aggiunto o modificato nel dosaggio, etc) e necessiti di essere corretto tempestivamente.
 

Gli shocks erogati inappropriatamente ammontavano a circa il 30% del totale fino a pochi anni fa , essendo principalmente causati da Aritmie Sopraventricolari (che non necessitano usualmente di essere trattate) o da malfunzionamento dell’elettrocatere ventricolare. Attualmente ammontano al 5-10% grazie a tecnologie dedicate a evitare interventi inappropriati, disponibili nei dispositivi. Gli shocks inappropriati si verificano:

  • durante FIBRILLAZIONE Atriale e altre aritmie atriali a conduzione rapida, perchè il ritmo diviene estremamente veloce e regolare (come una Aritmia Ventricolare). Sono molteplici e ripetuti uno dietro l’altro in pochi minuti: è fondamentale stare immobili (possibilmente sdraiati) ed evitare qualsiasi sforzo fisico, attivare il 118. Le aritmie sopraventricolari vengono risolte con terapie opportune, per cui evitate di cedere al panico.
  • durante Tachicardia Sinusale, cioè il normale ritmo cardiaco che accelera durante attività fisica/sportiva, durante stress psicologico e durante malattie acute di altri organi. Cessare subito l’attività fisica e cercare di rilassarsi. La riprogrammazione del CIED può risolvere il problema.
  • per Aritmie Ventricolari Non Sostenute che si susseguono una dopo l’altra in pochi secondi, cosicché l’ICD conclude che si tratti di un singolo episodio di lunga durata. Riprogrammare il CIED può risolvere questo fenomeno in molti casi.
  • per rilevamento di segnali elettrici, cardiaci e non cardiaci, che determinano una diagnosi ERRATA di Aritmia. La causa più comune è un danno all’integrità dell’elettrocatetere ventricolare dedicato al rilevamento del ritmo cardiaco, seguono le interferenze elettromagnetiche e il doppio conteggio del segnale cardiaco per rilevamento della fase di recupero elettrico (ripolarizzazione) ventricolare. In questi casi evitare di compiere sforzi fisici, e di utilizzare strumentazioni elettroniche. E’ necessario un controllo urgente del CIED.

     

In tutte le situazioni in cui si verifichino shocks inappropriati è sufficiente porre un magnete sopra il dispositivo per far cessare il fenomeno, perché questa azione impedisce al CIED di rilevare il segnale che viene interpretato come aritmia. Questa modalità è temporanea, quindi il CIED riprende la sua completa funzionalità appena il magnete venga allontanato, e torna in grado di intervenire nuovamente in pochi secondi. Il posizionamento di un magnete viene utilizzato normalmente in ospedale o in ambulatorio durante le manovre diagnostiche e chirurgiche che possono causare Interferenze elettromagnetiche al fine di evitarle.
Questa procedura deve essere eseguita in presenza di persone in grado di sorvegliare il soggetto con shocks inappropriati, in modo che il magnete venga rimosso qualora si dovessero verificare nuovi sintomi, come perdita di coscienza.
 

Avvisi generati dal CIED.
I defibrillatori impiantabili (ICD) sono provvisti di avvisatori automatici di tipi acustico o vibratorio, che segnalano automaticamente condizioni di particolare importanza. Sono normalmente attivi avvisi riguardo l’integrità del/degli elettrocateteri, il raggiungimento dell’indicatore di sostituzione elettiva (3-6 mesi prima dell’ esaurimento della batteria). Vi sono poi indicatori di parametri clinici, come la durata della Fibrillazione Atriale e i segni premonitori di Scompenso Cardiaco, che si utilizzano per guidare tempestivamente interventi medici prima che si verifichino eventi clinici gravi. Questi avvisatori si ripetono tutti i giorni a orari programmati, e non devono essere interpretati come condizioni di urgenza, ma che necessitano di essere valutate nell’arco dei giorni successivi. La ricaduta pratica è mettersi in contatto con il centro di riferimento. La possibilità del controllo a distanza del dispositivo ha già determinato un radicale cambiamento, poiché queste condizioni di avviso vengono inoltrate automaticamente al centro di riferimento, quindi il personale sanitario è informato tempestivamente anche qualora non vi fosse comunicazione da parte del portatore di ICD.
.