Area Riservata

Username
Password

Newsletter

Iscrizione APDIC

UN MODO SEMPLICE PER AIUTARCI DEVOLVI IL TUO 5X1000 ad APDIC codice fiscale: 91328810378

in evidenza

ASSEMBLEA CON PRANZO IL 15 DICEMBRE 2018 ORE 11,00 A SAN LAZZARO DI SAVENA -via Bellaria 7- CIRCOLO ARCI

Iscrizioni all’associazione

In occasione dell’Assemblea dello scorso dicembre si è dato il via al RINNOVO DELLE TESSERE PER L’ANNO IN CORSO. Coloro che non erano presenti o le persone interessate ad associarsi possono rivolgersi alla segretaria, signora Luisa Baesi (tel. 345 8491152 - luisa.baesi@gmail.com), disponibile per qualsiasi ulteriore informazione.

Come Associarsi

Stile di Vita

Gli accorgimenti generali che possono ridurre il rischio di aritmie ventricolari sono quelli che riducono la probabilità di acquisire malattie cardiovascolari nella vita adulta, mentre sono molto specifici per i soggetti che hanno sindromi genetiche o ereditarie che predispongono alle aritmie.

Prevenzione delle malattie cardiovascolari dell’età adulta. Si tratta di accorgimenti per prevenire il sovrappeso, il diabete mellito, la ipertensione arteriosa e la malattia aterosclerotica, e le loro complicanze nella popolazione generale sana.
I più importanti interventi sono:
Alimentari: evitare/limitare i grassi ed i fritti, preferire i vegetali; mantenere una introduzione adeguata di alimenti ricchi di potassio e magnesio (pomodori, frutta secca, fagioli, cacao, pistacchi, vedi www.valori-alimenti.com ). Evitare la elevata introduzione di alcool (> 30 gr di etanolo: di 2-3 bicchieri di vino) che può precipitare acutamente aritmie.
Comportamentali: svolgere una regolare attività fisica di intensità moderata (non è necessario essere atleti!), evitare il fumo, evitare gli stupefacenti (possono causare sia piccoli ripetuti infarti miocardici, sia grossi infarti acuti, sia aritmie improvvise potenzialmente letali), limitare lo stress, concedersi un normale periodo di sonno tutte le notti, svolgere attività ricreative che generino piacere e soddisfazione (lettura, musica, pittura, bricolage, fotografia, modellistica,etc.).In linea generale mantenere una armonica integrazione della attività fisica, intellettiva ed emozionale favorisce lo stato di salute e combatte l’insorgenza di cardiopatie. Per informazioni approfondite, visita www.cardiosalus.it .


Prevenzione delle Aritmie in condizioni specifiche. Alcuni suggerimenti sono particolarmente utili per specifiche sindromi che predispongono ad aritmie.

Evitare stress improvvisi: tutte le sindromi aritmiche. LQT2: attenzione agli stress acustici improvvisi.

Evitare la perdita di potassio e di magnesio: Scompenso Cardiaco, tutte le Sindromi Aritmiche. Questo si verifica soprattutto per effetto della terapia diuretica, per cui è molto importante non dimenticare la assunzione dei risparmiatori di potassio (Spironolattone e Canrenoato di potassio) o i Sali di potassio e magnesio integrativi (KCl R, LentoKalium, MAG2) nelle situazioni di aumentata perdita di Sali minerali come la Diarrea e la Sudorazione Profusa.

Evitare l’uso di sostanze stupefacenti o dopanti: tutte le sindromi aritmiche

Evitare sforzi fisici massimali o attività sportiva competitiva: questo è consigliabile nei soggetti con Cardiomiopatia Ipertrofica, Displasia Aritmogena, Sindrome del QT lungo, cardiopatia Postinfartuale.

Evitare farmaci che prolunghino eccessivamente l’intervallo QT: soggetti con QT lungo, soggetti con Scompenso Cardiaco, cautela in tutti i soggetti di sesso femminile con altre sindromi aritmiche. Per ottenere un elenco aggiornato di tutti i farmaci che possano predisporre a Torsione di Punta, e le più importanti interazioni farmacologiche consultare il sito www.azcert.org

Abbassare la febbre quando supera i 38°C: molto importante nei soggetti con Sindrome di Brugada, perché può precipitare le aritmie. Le spugnature offrono un rapido, ma transitorio, abbassamento della temperatura. Il trattamento farmacologico consigliato è Paracetamolo (500-1000mg) o Aspirina (500-1000mg). Evitare il primo in caso di recente assunzione di alcool o in presenza di epatopatie.