Area Riservata

Username
Password

Newsletter

Iscrizione APDIC

UN MODO SEMPLICE PER AIUTARCI DEVOLVI IL TUO 5X1000 ad APDIC codice fiscale: 91328810378

in evidenza

ASSEMBLEA CON PRANZO IL 15 DICEMBRE 2018 ORE 11,00 A SAN LAZZARO DI SAVENA -via Bellaria 7- CIRCOLO ARCI

Iscrizioni all’associazione

In occasione dell’Assemblea dello scorso dicembre si è dato il via al RINNOVO DELLE TESSERE PER L’ANNO IN CORSO. Coloro che non erano presenti o le persone interessate ad associarsi possono rivolgersi alla segretaria, signora Luisa Baesi (tel. 345 8491152 - luisa.baesi@gmail.com), disponibile per qualsiasi ulteriore informazione.

Come Associarsi

News Apdic

24-9-2011

Il paziente: potenzialità dei singoli e delle associazioni

Sintesi dell’intervento a Bellaria in data 24 settembre 2011.

La parola “paziente“ evoca, in ognuno di noi, una serie di immagini, di sensazioni, di significati secondo le sue personali esperienze di vita, le sue conoscenze, le sue credenze e i suoi valori.
I diversi modi di intendere la parola “paziente” determinano differenti modalità di comportamenti fra coloro che hanno la responsabilità di prendersene cura e fra gli stessi pazienti che volutamente o forzatamente si affidano alle cure di qualcuno.
Il nostro punto di vista si fonda sul presupposto che il paziente sia innanzitutto persona e che, come tale, non possa essere solo destinatario passivo di indicazioni di cura, ma possa egli stesso essere soggetto attivo nelle azioni di cura promosse e sollecitate dal personale medico. Il paziente può essere il protagonista principale del processo di cura.
Perché ciò sia possibile, occorre innanzitutto che il paziente sia ascoltato e che possa esprimere i suoi bisogni. Questo è quello che abbiamo fatto, come associazione, con due indagini alle quali hanno partecipato numerosi pazienti. Da esse sono emersi desideri di:
   • maggiore informazione sulla malattia e sui dispositivi impiantabili;
   • condivisione delle esperienze;
   • sostegno emotivo e materiale;
   • rappresentanza e tutela;
   • una vita quotidiana serena.

Fra i bisogni rilevati spiccano:
   • l’esigenza di personalizzare i rapporti di presa in carico (di cura). A tale scopo viene richiesto di poter avere la continuità di presa in carico da parte dello stesso medico o di una équipe di medici che adottino identici indicatori di qualità del servizio, in modo da conferirgli equivalenza di valore a prescindere dal medico, paramedico o tecnico che eroga la prestazione;
   • la cura della relazione. Il disagio personale esiste e si manifesta con modalità differenti che rispecchiano le caratteristiche personali e i contesti di vita di ciascuno. è utile poter esprimere il proprio disagio in situazioni protette. In questo ambito l’APDIC potrà fare molto;
   • il raccordo fra le istituzioni, per facilitare lo svolgimento di funzioni che comportano movimento, autorizzazioni, richieste, documenti, svolgimento di un’attività lavorativa

Per tutto questo e per la gestione della condizioni cronica tipica dei portatori di dispositivo cardiaco impiantabile, occorre che si realizzino due condizioni per le quali l’APDIC è impegnata in prima linea:
1. ridurre l’asimmetria medico-paziente per conferire maggiore efficacia alla presa in carico. Va ricordato che nelle condizioni acute l’asimmetria può essere utile per non compromettere l’efficacia del trattamento. Nelle condizioni croniche, l’assistenza richiede contatti estesi e regolari (ripetuti nel tempo). Questa forma di assistenza presuppone che il sistema sanitario si organizzi diversamente da come fa il contatto episodico previsto per le condizioni acute. Questo non vuole significare che si debba pervenire a una sorta di confusione di ruoli o a una confluenza che rende indistinguibile il medico dal paziente. Quello che muta non è il ruolo (o lo status) ma la condizioni con la quale la relazione si costruisce; il tempo della relazione dovrà comprendere il dialogo e l’ascolto da entrambe le parti;

2. strettamente connessa alla prima condizione vi è quella di rendere il paziente più capace e responsabile nella cura di se stesso. Nelle condizioni croniche occorre valorizzare il ruolo e la responsabilità del paziente, potenziandone le conoscenze e le strategie di azione, anche con il coinvolgimento dei parenti prossimi e del medico di medicina generale. Per liberare il patrimonio di esperienze, di conoscenze e di motivazione che è già presente nei pazienti (ma che nelle relazioni asimmetriche è notevolmente sottoutilizzato), occorre che ai pazienti
    a. siano fornite maggiori informazioni sulla loro salute e sulle strategie di cura. Le informazioni fanno aumentare la fiducia dei pazienti nei confronti del personale sanitario, mettendoli in condizione di agire responsabilmente;
    b. sia data la possibilità di agire con un certo grado di autonomia (potranno decidere che cosa fare e come farlo), seppure entro certi limiti – confini – concordati con il personale sanitario;
    c. sia data la possibilità di confrontarsi con il loro contesto di vita (parenti e amici) e con altri pazienti, per incentivare un vero e proprio lavoro di squadra, in sostituzione delle abituali gerarchie che pongono in alto chi fornisce indicazioni (i sanitari) e in basso chi le deve seguire (i pazienti).

Il Servizio Sanitario e la nostra associazione possono collaborare per liberare le risorse interne di ciascuna persona con dispositivo cardiaco impiantato, a prescindere dalla patologia che ha reso necessario l’impianto. Tutto il sistema deve tendere alla piena realizzazione di tutte le persone. Tutti hanno diritto di costruirsi un futuro desiderato e possibile, di essere felici.

Per tutto questo, l’Associazione promuove l’alleanza medico-paziente basata sulla fiducia e sulla cooperazione, e rifugge forme competitive e rivendicative che purtroppo si stanno sempre più affermando anche nelle relazioni umane.

Armando Luisi
Vicepresidente APDIC